"he was young, handsome, a millionaire, and he'd just pulled off the perfect crime!"

lunedì 15 settembre 2008

infinite jest

david foster wallace 1962 - 2008


to download or not download, è questo il dilemma?!

davvero non credo, e casualmente ieri notte cazzeggiando in rete apprendo del suicidio di david foster wallace, proprio ora che mi sentivo quasi pronto per affrontare la sua opera.
ne ho approfittato per leggere quella illuminante intervista con dave eggers su believer e un po' di note biografiche. è innegabile che l'idea che ci facciamo di qualcuno è attraverso il suo lavoro la sua opera la sua vita pubblica, molto più complesso avventurarsi nel behind the scenes e nell'intimo umano come se in fondo una forma di difesa della privacy esistesse in natura al di là di norme e codicilli, carte di credito e telefonini che ci tengono monitorati tutto il tempo. curioso come spesso si riesca a soffrire in pace, lontano dalla luce dei riflettori fino ad impiccarsi senza che nessuno accorra giusto in tempo per rovinare tutto.
incidentalmente proprio in questi giorni mi sto dedicando a please kill me, il volumone di legs mcneil e gillian mccain che attraverso le testimonianze dei protagonisti ricostruisce quei mitici anni d'oro di ribellione e arte che vanno dalla factory di andy wharol in poi, fino al punk tutto. e si va dritto in vena, niente perifrasi di sorta, la cruda realtà così come la possono ricordare protagonisti e comprimari. e dopo venti pagine sai più cose su lou reed che consultando tutte le biografie a lui dedicate.
così dall'amarezza dell'infinite jest un sorriso prende il sopravvento leggendo queste righe:

david johansen (new york dolls) : Bowie veniva spesso a vederci al Mercer Arts Center. Non avevo mai sentito parlare di lui prima di allora. Ricordo che veniva a salutarci con addosso dei vestiti da donna tutti trapuntati e una volta mi chiese: "Chi ti fa i capelli?" "Johnny Thunders", gli risposi, ed era la verità.

Left to right are:
Arthur Kane, Jerry Nolan, David Johansen, Sylvain Sylvain, and Johnny Thunders

6 commenti:

grog ha detto...

Sei tornato e io non faccio in tempo a leggerti. Fuori sinc mi definisco, fuori sinc mi sento, sempre.
Ma è altro quello che volevo dire. Ho letto questo tuo post e mi sento triste ma lo ero già prima. Dovrei scrivere per lavoro ma non riesco.

Bentornato Mr. Crown, spero in lampi di allegria prossimi nostri.

grog ha detto...

Cos'è il Bronson reloaded? E perchè ti piace?
Chi posta sui blog suoi o degli altri poi viene letto e possono scattare anche le domande, dirette e inutili come questa ad esempio. Fa parte della cosa. Noo?

Buonanotte

Hank ha detto...

"Reloaded"? Il Bronson è un antro cavernoso e malfrequentatissimo dove si vocifera siano stati avvistati David Eugene Edwards e, sempre che esista, Mr. Crown. Io, nel mio piccolo, non ne sono uscito sobrio una sola volta.

grog ha detto...

Interessante ma e' lontano?

Hank ha detto...

Beh, dipende da cosa.

Pubblicità Progresso (non è spam, Mr. Crown, si fidi):
http://www.lastfm.it/venue/8790487

grog ha detto...

Da Roma ad esempio...


P.s. Mi sono fidata, bel posto , si direbbe