"he was young, handsome, a millionaire, and he'd just pulled off the perfect crime!"

mercoledì 30 gennaio 2008

a canary in a coal mine

la visione di into the wild di sean penn mi ha lasciato in un mood di leggera sadness, e appena salito in auto già pensavo che una volta a casa avrei suonato in my own time della splendida mezzosangue cherokee karen dalton. a volte anche le sensazioni scatenano strani cortocircuiti. è un album recentemente ristampato dalla light in the attic records. seattle. originariamente prodotto nel 1971 da harvey brooks ai bearsville sound studios - woodstock ny - su suggerimento di un giovane bob dylan che l'amava per quella sua voce alla billie holiday e il suo stile nel suonare chitarra e banjo. ai tempi, la fine dei sixties, divideva il palco con gente come tim hardin, fred neil, dino valenti e lo stesso dylan



"My favorite singer in the place was Karen Dalton. Karen had a voice like Billie Holiday's and played the guitar like Jimmy Reed." - Bob Dylan

dylan - karen - neil

questa nuova edizione esce anche in vinile con uno splendido corredo fotografico e le lunghe note di nick cave, devendra banhart, che ha voluto registrare crippled crow proprio in quegli stessi studi alla ricerca di quelle stesse energie, e soprattutto lenny kaye, amico e contemporaneo.
non c'è molto altro da aggiungere, davvero la sua voce parla per lei. e come si può immaginare ascoltando quel suo cuore a nudo, gli occhi perennemente chiusi verso altri mondi, finì sola e in tragedia fino a morire homeless sulle strade di new york. era il 1993.


"a voice for the jaded ear"

e che dire del film . quello di sean penn. una storia già vista già letta già sentita, ma che suona tutto sommato credibile dall'inizio alla fine in quanto di fatto vera. ci troviamo lo stesso disgusto delle anime sensibili verso il trattamento che sta riservando l'uomo agli uomini e alla terra in nome di un fantomatico inarrestabile progresso.
quello stesso disgusto che ha fatto della povera karen:
"a canary in a coal mine"

5 commenti:

Richard P. Feynman ha detto...

"un mood di leggera sadness"...

no comment

diego ha detto...

Ottimo post, Grazie. Con questo ascolto riempirò una delle mie tante lacune.

Bello il video, lì per lì mi è venuto in mente anche Tim Buckley.

Ma riguardo al tuo incipit mi associo a richard p. feynman... a meno che tu non voglia pagare i diritti d'autore alla Len! ;)

mr.crown ha detto...

len non so nemmeno chi sia. l'incipit è una citazione di qualcuno a me più vicino. dio?!

il riferimento a tim buckley lo trovo pertinente.

Morphine ha detto...

se dio è il tuo vicino questo significa che è mia madre! e che allora io sono il messia! un altro cerchio che si chiude

mr.crown ha detto...

morph: l'aureola